Chi è online
 14 visitatori online
Seguici su Facebook
Facebook RSS Feed 
Finziade Songs
Intro Finziade


Get the Flash Player to see this player.

Visitatori
218878
TodayToday69
YesterdayYesterday206
This WeekThis Week69
This MonthThis Month5332
All DaysAll Days218878
Home

Ultime notizie

I più letti

Finziade

Scoperto a Licata un intonaco affrescato con teorie di santi

 
   

Continua l’attività di salvaguardia, tutela e valorizzazione dei beni culturali svolta dall’Associazione Archeologica Finziade che, pochi giorni fa, ha reso noto, sul settimanale agrigentino “L’amico del Popolo”, la notizia della recente scoperta, all’interno della chiesa rupestre di San Calogero, di tracce di intonaco dipinto ad affresco per le quali, a causa del precario stato di conservazione, non è ancora possibile assegnare una datazione certa.

Sono stati Fabio Amato e Maurizio Cantavenera, rispettivamente Presidente e Vicepresidente dell'Associazione Finziade, i prima a scoprire il dipinto raffigurante il volto del monaco abate.

Da anni erano in cerca di possibili tracce d'affresco sulle pareti del complesso di San Calogero, convinti che una chiesa rupestre così importante doveva aver conservato una qualche preziosa testimonianza del suo passato religioso. E così, approfittando del crollo dello strato di intonaco più recente, si sono accorti che, al di sotto di esso, si conserva ancora (in parte) un secondo strato di intonaco sul quale si intravedono pitture lineari di colore rosso. Dopo numerose ricognizioni sul posto,  osservando attentamente e fotografando quei segni, si è finalmente arrivati a distinguere un’immagine raffigurante il volto di un monaco con ciuffi di capelli sulle tempie e sulla fronte, che secondo confronti stilistici potrebbe essere riferibile all'iconografia di San Calogero, un monaco eremita, o forse a Sant’Antonio Abate, il fondatore del monachesimo cristiano e il primo degli abati.

Allo stato attuale sono in atto fenomeni di crollo degli intonaci superficiali in cemento che, a diretto contatto con l'intonaco affrescato, rischiano di provocare il distacco delle preziose pitture. 

Si attenderà qualche mese prima che la soprintendenza si pronunci sull’interpretazione e su un’eventuale datazione del dipinto; nel frattempo il compito dell’Associazione Finziade sarà principalmente quello di adoperarsi affinchè vengano messe in sicurezza le porzioni di intonaco che, senza un adeguato intervento di consolidamento, rischiano di perdersi per sempre.


Ultimo aggiornamento (Mercoledì 01 Dicembre 2010 18:28)