Chi è online
 28 visitatori online
Seguici su Facebook
Facebook RSS Feed 
Finziade Songs
Intro Finziade


Get the Flash Player to see this player.

Visitatori
366388
TodayToday75
YesterdayYesterday97
This WeekThis Week651
This MonthThis Month1230
All DaysAll Days366388
Home Finziade News Resoconto della campagna estiva di visite guidate organizzate dal G.A. Finziade e Proloco

Resoconto della campagna estiva di visite guidate organizzate dal G.A. Finziade e Proloco


“Per quest’anno non cambiare….” Recitava così una famosa canzone degli anni ’60 e cantata da Vianello emblema del boom economico che contraddistingueva in quel dato momento storico l’Italia intera.

Quasi mezzo secolo dopo gli orizzonti sono estremamente mutati, la crisi del settore turistico è sempre più forte, questo decremento delle attività turistiche contraddistingue ormai anche  le estati licatesi da diversi anni: in città domina il caos; sempre meno turisti ma in compenso macchine raddoppiate, assenza di ZTL ma soprattutto sporcizie varie per le più importanti arterie cittadine connesse al fenomeno increscioso del randagismo che porta moltissimi cani, abbandonati dai loro padroni, a muoversi in branco per le vie. La condizione delle strade del centro storico ovviamente non invoglia  il visitatore a restare o eventualmente a tornare nella città del mare.

La presenza di spazzatura per le strade  e sintomo di un forte degrado per l’intera comunità; tant’è vero che i percorsi storico-archeologici sono i più penalizzati da questa situazione  poiché molto spesso si trovano all’interno di aree pressoché abbandonate o degradate. L’esempio più lampante  viene direttamente dal borgo marinaro, luogo caratterizzato da un immenso fascino ma anche e purtroppo  da una grande quantità di rifiuti vari.

Lo stato in cui versa l’antico quartiere di Licata ha impedito al Gruppo archeologico Finziade ed alla Pro Loco di svolgere la consueta visita guidata al suo interno.

Stessa situazione  si presenta nella parte “alta” di Licata, qui il sito di San Calogero e la contigua e caratteristica via semaforo ad esempio, ripuliti per tempo dai soci del Gruppo Archeologico Finziade risultano quotidianamente “stuprati” dall’inciviltà cittadina che si diverte a gettare sul sito bottiglie, cartacce e immondizia varia.

    

Le visite guidate svolte dalle due associazioni anche quest’anno hanno avuto un ottimo seguito  di pubblico: i visitatori si sono dimostrati molto interessati alle bellezze cittadine ed hanno apprezzato l’installazione, per il terzo anno consecutivo, dell’infopoint ubicato all’ingresso del porto turistico. Nonostante lo stato di degrado in cui versa la città il punto di informazione turistica ha catturato l’attenzione della gente che si è anche rammaricata per la  triste situazione.

Le liete note vengono invece direttamente  dalle nuove generazioni, infatti nella giornata di Lunedi 20 Agosto ed in quella di Lunedi 27 agosto  un gruppo di giovani licatesi, fautori dell’operazione sporchiamoci le mani“ si sono prodigati alla pulizia di aree ormai diventate discariche pubbliche, nello specifico l’area di corso Argentina antistante il porto turistico e il settore litoraneo di Marianello.

Nell’auspicio che questo atto di civiltà possa fare da traino ad un ritrovato spirito civico e civile è bello ricordare all’intera cittadinanza che Licata è la nostra casa e come tale va rispettata e non deve sporcata.


 

Ultimo aggiornamento (Sabato 01 Settembre 2012 13:57)