Chi è online
 17 visitatori online
Seguici su Facebook
Facebook RSS Feed 
Finziade Songs
Intro Finziade


Get the Flash Player to see this player.

Visitatori
325934
TodayToday69
YesterdayYesterday162
This WeekThis Week69
This MonthThis Month3162
All DaysAll Days325934
Home Finziade News ROCCA SAN NICOLA: SCOPERTI I RESTI DELLA CHIESA MEDIEVALE CHE DIEDE IL NOME ALL’ISOLA

ROCCA SAN NICOLA: SCOPERTI I RESTI DELLA CHIESA MEDIEVALE CHE DIEDE IL NOME ALL’ISOLA


Narrano le fonti che sull’isola di San Nicola a Licata esisteva una Chiesa denominata “Ecclesia Sancti Nicolai de Insula” dedicata al Santo protettore di marinai, naviganti e ancore.

Della Chiesa però non è mai stata ritrovata nessuna traccia e per questa ragione alcuni storici ne hanno addirittura negato l’esistenza.

I fondali attorno l’isolotto di San Nicola erano già stati oggetto di scavi negli anni ’80 da parte della Soprintendenza di Agrigento che recuperò importanti reperti archeologici e redasse una pianta del sito.

Dopo 30 anni le ricerche sono riprese su iniziativa del Gruppo Archeologico Finziade di Licata, con la direzione scientifica della Soprintendenza del Mare, facendo emergere interessanti dati archeologici che hanno consentito una più ampia comprensione del contesto in questione durante l’epoca medievale.

Le varie campagne di scavo hanno permesso di individuare la presenza di numerose ancore di differenti epoche tutte orientate verso l’isolotto, a testimonianza di un attracco delle imbarcazioni antiche all’isola e dell’utilizzo della stessa come luogo di approdo costiero, forse un refugium.

Il dato più interessante comunque viene dalla sommità dello scoglio di San Nicola: seguendo le ancore, spiega Fabio Amato (responsabile degli scavi per il Gruppo Archeologico Finziade), siamo giunti sull’isolotto dove, grazie all’ausilio di un drone e all’esecuzione di ricognizioni di superficie condotte nel 2014, è stato possibile individuare, tra la vegetazione spontanea, una costruzione absidata inglobata all’interno di un grande complesso architettonico, composto da ambienti e cisterne per la raccolta delle acquee meteoriche.

Le immagini aeree inoltre hanno evidenziato in modo chiaro e ineluttabile la presenza di una banchina scolpita nella roccia, oggi sommersa e ricoperta dalla vegetazione marina.

I dati relativi a questa nuova e importante notizia archeologica, sono stati presentati a Licata durante un  convegno tenutosi al teatro Re di Licata, alla presenza del Soprintendente del Mare, Sebastiano Tusa, attualmente Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana.

A distanza di quattro anni la scoperta sarà pubblicata sulla rivista Sicilia Archeologica con un articolo a firma di Fabio Amato.

L’interesse che il sito sta suscitando è uno dei motivi principali che spingerà a dirottare da qui ai prossimi anni le ricerche che il G.A. Finziade e la Soprintendenza del Mare svolgono, grazie alla fondamentale sponsorizzazione della Cuttitta s.r.l.

La speranza è quella di riuscire a trovare dati ancora più confortanti che permettano, con estrema esattezza, di ricostruire la cronologia di vita di questa porzione di territorio e quella di avviare dei percorsi di valorizzazione dei resti archeologici individuati, rispolverando il progetto di costituzione di un area marina protetta inseguito da diversi anni da molte associazioni operanti a Licata.