Chi è online
 14 visitatori online
Seguici su Facebook
Facebook RSS Feed 
Finziade Songs
Intro Finziade


Get the Flash Player to see this player.

Visitatori
240667
TodayToday131
YesterdayYesterday215
This WeekThis Week346
This MonthThis Month3599
All DaysAll Days240667
Home Escursioni

Escursioni

I siti resi fruibili durante i primi 5 anni di attività del Gruppo Archeologico "FINZIADE" a Licata

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

 

PERCORSO TURISTICO " Sulle tracce di Entimo ed Antifemo: le polis di Gela, Akragas e Finziade"

Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
 

I COLONI GRECI DELLA SICILIA CENTRO-MERIDIONALE  


1° giorno           pomeriggioarrivo a LICATA: cena e pernottamento in hotel **** stelle;

                          presentazione dei gruppi archeologici  e tesseramento per i simpatizzanti;

 2° giorno           mattinaescursione a LICATA (antica Finziade): area archeologica, castel Sant'Angelo, 

                          chiesa rupestre di San Calogero, tempio ipogeico dello Stagnone Pontillo, centro storico; 

                          pranzo in ristorante;

                          pomeriggiotrasferimento a GELA: museo, parco archeologico e mura timoleontee;  

                          trasferimento a Licata: cena e pernottamento in hotel **** stelle;

  3° giorno          mattina: trasferimento ad AGRIGENTO (antica Akragas): Valle dei Templi e Necropoli

                          Paleocristiana;                         

                          pranzo in ristorante;        

                          pomeriggiomuseo archeologico, ekklesiasterion e oratorio di Falaride;

                          trasferimento a Licata: cena e pernottamento in hotel **** stelle;

  4° giorno          colazione in hotel e partenza  per aeroporto Catania  


 Un tour turistico-archeologico incentrato sulla conoscenza di tre principali poleis fondate oltre duemila anni fa dagli antichi coloni greci.

 Lo realizziamo seguendo un  filo conduttore che unisce la visita alle antiche rovine ai  reperti rinvenuti durante gli scavi e custoditi presso i locali musei.  

Un mix di storia, mitologia, paesaggio, territorio che mette in luce l’eredità del patrimonio culturale appartenente a questa parte di Sicilia “centro-meridionale” e arrivata fino a noi per mezzo delle élite culturali dell’Europa settecentesca.  

Le fonti storiche ci raccontano che, nel 688 a.C.,  popolazioni giunte dalle isole di Rodi e di Creta, guidate da due gloriosi condottieri di nome Entimo ed Antifemo, fondarono sulla riva di un fiume la città di Gela.

 I primi a cedere alle sue mire espansionistiche furono le popolazioni indigene che vivevano raccolte in piccoli centri e che in poco tempo assorbirono della cultura greca, usi, costumi e  religione.    

Questa politica conquistatrice permise a Gela di arrivare fino al territorio dell’attuale Agrigento dove, nel 580 a.C., gli stessi gelesi fondano una nuova sub-colonia che prese il nome di Akragas.  

Questa città, subito dopo la nascita, si sviluppò notevolmente e sotto la guida del feroce tiranno “Falaride”, riuscì a prevalere sulla madrepatria Gela.  

Si fortificarono i punti strategici a controllo di importanti via di comunicazione, furono bonificate molte aree e proprio Falaride viene ricordato come l’ideatore della crudele macchina di tortura, il famoso toro di bronzo, utilizzata per far bruciare vivi i condannati a morte.  

 

 

 

 

 

 

  

Nel frattempo i Cartaginesi miravano alla conquista della Sicilia e nel 480 a.C., al tempo in cui era tiranno di Akragas, Terone, quest’ultimo si alleò con la potente famiglia dei Dinomenidi, che regnava a Gela con Gelone e a  Siracusa con Ierone: le tre città riuscirono con un armata invincibile a sconfiggere i cartaginesi presso la città di Himera.  

Grazie ai proventi derivati dai bottini di guerra e ai traffici commerciali, Gela ed Akragas  furono abbellite di templi ed edifici pubblici, alcuni di essi ancora oggi visibili; altri vennero distrutti e mai ricostruiti durante l’assedio cartaginese avvenuto nel 406 a.C., ad Akragas, e nel 405 a.C., a Gela.  

Entrambe le battaglie videro prevalere i cartaginesi sui greci  che da questo momento si accaparrarono il controllo sulle città siciliane fino al 344 a.C., anno in cui Timoleonte venne inviato da Corinto in Sicilia per restaurare il controllo greco sull'isola.

Nel 310 a.C. fu il territorio di Licata a divenire teatro di battaglia: alla foce del fiume Himera meridionale (odierno Salso) l’esercito siracusano fu nuovamente sconfitto dai cartaginesi.  

Nel 282 a.C. Finzia, tiranno di Akragas, servendosi dei mercenari Mamertini, distrusse la città di Gela e deportò la popolazione superstite in una nuova città edificata sulla Montagna di Licata, che dal tiranno prese il nome. Si chiamò Finziade ed oggi è considerata dagli archeologi l’ultima fondazione greca di Sicilia.  

 

Come narra Diodoro Siculo, la città era munita di una cinta muraria, di una vasta agorà e di templi dedicati alle divinità.

 La crescente potenza cartaginese in Sicilia allarmò i romani che nel 264 a.C.  inviarono truppe nell’isola. Nel 256 a.c.  presso il mare di Finziade si combatté una delle batteglie navali della la I° guerra punica che si concluse con la sconfitta cartaginese: Finziade, che in quest’occasione aveva fornito il proprio supporto ai romani, permettendo l’installazione delle catapulte all’interno della città, ne trasse grossi benefici.  

 

 Il fiume Himera meridionale ridiventò teatro di guerra durante la II° guerra punica: nel  210 a.C. il Console Marcello sconfisse i cartaginesi.  

Alcuni soldati congedati da Marcello potrebbero essere stati proprio gli abitanti di Finziade: nello scavo di una domus di Finziade sono state rinvenute centinaia di monete d’argento e monili in oro provenienti con molta probabilità dal saccheggio di Siracusa avvenuto qualche anno prima e che potrebbe rappresenta lo stipendium di un soldato romano. 

 

  

 

 

 

 

 

 


Per info rivolgersi allo 0922771583 - BIRBA VIAGGI  a Licata, Corso Serrovira, 68 

 

 

Visite ed escursioni guidate a Licata: i nuovi orari di Agosto

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
 

Appuntamento al Chiostro di San Francesco    

(Percorso pedonale) (la durata del percorso è di circa 2 ore)

Giorni e Orari:

     - Martedì ore 9:30; 

     - Giovedì ore 16:30;

     - Sabato ore 9:30;

  • Visita     del     CASTEL SANT'ANGELO   

  •      "          "      SCAVI ARCHEOLOGICI DELL'ABITATO GRECO-ROMANO DI FINZIADE
  •      "          "      POZZO GRECO DELLA GRANGELA
  •      "          "      CHIOSTRO DI SAN FRANCESCO
  •      "          "      TEATRO RE GRILLO
  •      "          "      DUOMO E CAPPELLA DEL CRISTO NERO
  •                                                                                          Contatti: 3291265892-3281866558      


  •  

    Il tour archeologico di Monte Sant'Angelo

    Valutazione attuale: / 13
    ScarsoOttimo 

     

    Uno dei più importanti siti di Licata è il Monte Sant’Angelo, da qualche anno diventato sede di un parco archeologico: una recente indagine di scavo stratigrafico condotta dall’università di Messina, infatti, ha riportato alla luce i resti di un isolato della città greco-romana di Finziade, sorta dopo la distruzione di Gela ad opera di Finzia, tiranno di Akragas.

     Considerando la posizione favorevole di Licata, punto strategico intermedio tra Gela ed Agrigento, e l’importanza che Finziade rives tì in epoca romana, raccogli endo l’eredità dell’antica e fiorente polis di Gela, risulta di fondamentale importanza istituire un percorso di visite guidate archeologiche in grado di far comprendere anche l’importanza che il nostro territorio rivestì in età antica.

    Per tale ragione, l’ASSOCIAZIONE FINZIADE ha ideato un percorso pedonale che attraversa un’ampia porzione del centro storico, con partenza dal Castel Sant’Angelo e arrivo in Piazza Progresso. Il tragitto ha una durata di circa 2 ore e include le seguenti tappe:     

     

    1) da Piazza Progresso si sale con una navetta all’area di sosta del Parco archeologico di Monte Sant’Angelo; inizia così la visita dell’isolato romano di Finziade (III-I secolo a.C.) e degli ambienti precedenti la fondazione della città.

     

    2) quindi si passa alla cinquecentesca torre di avvistamento e all’annesso castello spagnolo, edificato nel XVII secolo. Dopo aver attraversato il fossato che lambisce il lato meridionale del castello, entrando troviamo subito la scala per accedere alla torre e un vasto cortile con pozzo, sul quale si aprono alcune stanze del castello: in queste ultime sono stati sistemati i cannoni e allestito un piccolo museo etnografico degli antichi mestieri.   

     

    3) lasciando la cima del Colle Sant’Angelo, percorrendo una mulattiera (Via Semaforo) ci si avvia verso l’ipogeo San Calogero, raro esempio di architettura rupestre cristiana attualmente fruibile, all'interno del quale è possibile ammirare l'affresco raffigurante il volto di San Calogero, scoperto dalla nostra associazione nel Gennaio 2010.

     

    4) a pochi passi dalla chiesa rupestre si apre l'ingresso ad un secondo ipogeo, ad uso funerario, all'interno del quale sono presenti 18 sepolture del periodo paleocristiano (IV-V secolo d.C.).

     

    5) da lì si percorre una discesa che conduce sino alla via Grangela, dove si apre l’ingresso all'omonimo pozzo greco, filtrante, per la raccolta delle a cque. Tramite una scala elicoidale che ruota attorno all’imboccatura del pozzo, probabilmente costruita in epoca medievale, si scende sul fondo del cavità e dopo aver percorso una galleria sotterranea che attraversa Via Santa Maria, si giunge in Via Marconi;

     

     

     

     

     

    6) qui è presenta una imponente opera ipogeica troncoconica, che per la sua forma è chiamata “Tholos” e che la tradizione locale lega alla leggendaria tomba del Re cretese Minosse;

    7) l’itinerario del colle Sant'Angelo si conclude con l'arrivo in Piazza Progresso, sede del Palazzo di Città progettato dall'architetto Ernesto Basile, protagonista indiscusso del Liberty siciliano e del modernismo italiano.

    Per i gruppi di visitatori automuniti è possibile inoltre aggiungere al percorso sopradescritto la visita del sito archeologico dello “Stagnone Pontillo” un complesso ipogeico di straordinaria bellezza artistica e costruito secondo uno stile anomalo, che non trova confronti nè in Sicilia, nè in tuttol'ambito mediterraneo.